Controcorrente

I giovani di oggi nel gruppo se la intendono a meraviglia. Hanno lo stesso linguaggio, le stesse reazioni, lo stesso amore per le novità. Con i loro giochi, con il loro  linguaggio i giovani cercano di ingannare pietosamente il tempo. Il misterioso gorgo della vita è affrontato con una semplice filosofia di vita che ci lascia sgomenti: egoismo allo stato puro. La triste verità è che i giovani pensano solo ai divertimenti, agli stravizi. Solo i divertimenti li confortano e risollevano perché li distolgono dalle responsabilità della vita. I giovani ambiscono solo al piacere immediato, senza pensiero e speranza per il futuro. Loro vogliono vedere esauditi i loro desideri. Chi ostacola il cammino del divertimento è allontanato, insultato. E’ difficile scuotere il torpore e l’indifferenza dei giovani che si conservano  intatti  I giovani svegli apprezzati sono quelli spavaldi, che non si impressionano, che sono freddi e calcolatori, che non rispettano nessuno, che non amano romanticherie, che vivono di sbornie e spinelli. Sono bravi, apprezzati quelli violenti, che sono temuti dal branco e che vivono in simbiosi con esso. I giovani risoluti, fetenti, vigliacchi sono amati dalle ragazze, apprezzati dai coetanei che li seguono ipnotizzati. I giovani ribelli, che lottano, che disprezzano i vecchi sono ammirati. Niente turba un bullo, per lui la vita continua sempre, specie se è la sua.  La vita degli altri, compresi familiari, conta di meno.

I ragazzi seri devono stare nascosti, sfuggire ai bulli, all’assillo delle persecuzioni dei rivoluzionari. Loro si devono ritirare al passaggio dei bulli, abbassare la testa, sfuggire alle occhiate di ragazzine viziate.  Sono giudicati già vecchi e saggi e quindi ridicoli. La vita dei ragazzi seri non si può imitare è troppo impegnativa piena di studio, riflessione, stabilità. I ragazzi seri sono monotoni, poco divertenti. Con il loro sguardo attendo mettono soggezione e vanno demoliti. Spesso si scatena la rabbia contro di loro, rabbia  spaventosa che va smaltita. Nessuno si sogna di imitare lo stile di vita dei pochi ragazzi seri e studiosi. Nessuno da loro importanza, nessuno li segue. Loro sono costretti ad aggrapparsi solo ai propri valori interiori importanti e preziosi. I ragazzi seri sono malvisti perché vanno controcorrente. Loro stessi si persuadono di essere inutili.

Spesso la vita di un bullo finisce sull’asfalto dopo una gincana con la moto. La conclusione di una vita dissipata. Tutto finisce con poche righe su un giornale.

Molti ragazzi studiosi diventano avvocati, stilisti, giudici, ingegneri e fanno parlare di sé per la loro dignità professionale. I ragazzi seri mettono saggezza in ogni cosa che fanno.

 

Ester Eroli

 

Leggi anche: