Difficolta genitoriali

Fare i genitori è un mestiere difficile specie ai nostri giorni dove sono aumentate le esigenze, le aspettative, ma anche fare i figli è doloroso, difficile, stancante.

Il problema è che le mancanze sono da entrambe le parti

  • Ci sono ragazzi che sono ribelli, rifiutano volutamente il dialogo con i genitori. Pensano solo alle mode. Le ragazze pensano solo ai vestiti, a dimagrire, al trucco,  i ragazzi solo alle moto, alla discoteca, ai viaggi in terre lontane . Sono sempre più i ragazzi drogati, le ragazze anoressiche. Sono figli vagabondi, nomadi, superficiali che quando tornano a casa si chiudono nella loro  stanza e rifiutano il dialogo, sbattono la porta.  Amano vivere nel lusso, nei locali. Si dimenticano del loro ruolo di figli. Non sanno distinguere il bene dal male. Non accettano i consigli dei genitori  e seguono solo i loro istinti. Non si curano di verificare il bene dei genitori nei loro confronti.
  • Negli ultimi tempi però stanno aumentando vertiginosamente le mancanze dei genitori verso i figli, che diventano deleterie, rovinose.

Molti genitori laureati, arrivati professionalmente, magari avvocati, insegnanti, manager vogliono obbligare i figli a conseguire la laurea anche se questi sono annoiati dallo studio e incapaci. Magari sarebbero portati per altre mansioni ma vengono costretti a frequentare per forza l’università. Di solito sono disattenti, svogliati, inconcludenti. Non sono eccitati all’idea di studiare e passano da una facoltà all’altra in un gioco di prendere e lasciare ridicolo. Fingono di fare esami mentendo ai genitori falsificando firme, documenti. Fanno finta che in apparenza va tutto bene. Studiare per loro è un incubo, un tormento, un rovello. Si trascinano nelle stanze con gli appunti in mano senza decidersi a concentrarsi, leggono svogliati persino i giornali. Per i genitori diventa importante il conseguimento della laurea anche per fare a gara con i figli di parenti, amici, cugini. I loro figli devono stare al pari degli altri anzi se è possibile superarli. Allora si mettono i figli sotto sforzo, li si rimprovera, li si accusa. I figli si nascondono, fingono di fare esami, mentono. Molti figli vengono pungolati, battuti, controllati. Se nascono dei sospetti vengono sorvegliati. Molti genitori obbligano i figli a studiare con modi duri, con sistemi violenti. Alcuni si mettono anche loro a studiare per aiutarli, aumentando la soggezione del figlio, il nervosismo.

Lo studio per molti ragazzi diventa una trappola fatale. Sono già molti i casi di giovani che si sono suicidati per questo motivo. Alcuni si sono esauriti e hanno dovuto curare lo stress e l’esaurimento nervoso.

I casi peggiori che stanno aumentando in maniera esponenziale, con l’aumento delle assurde pretese dei genitori, sono quelli di giovani che sono impazziti, sono usciti fuori di testa. Molti sono finiti in cliniche psichiatriche.

Tutto questo in nome dell’orgoglio, della presunzione. Si vuole far vedere di avere figli geni e poi si rovinano.

Le cose vanno fatte solo in nome dell’amore.

 

Ester Eroli