Foiano della Chiana

Foiano della ChianaSu un basso colle della val di Chiana, a soli 28 km dal centro di Arezzo, sorge un borgo storico noto centro commerciale e agricolo, esistente già a partire dal sesto secolo avanti Cristo. Il borgo fu colonizzato dai romani, e legò spesso il suo destino alla città di Firenze. Il borgo è noto per la realizzazione di uno spettacolare carnevale, giunto ormai alla sua quarantasettesima edizione. La tradizione storiografica si traduce in splendide coreografie. Di solito quattro enormi carri allegorici in competizione dai nomi strani e simpatici (Bambolo, Azzurri, Rustici, Nottambuli) sfilano davanti a una giuria composta da esperti d’arte di livello nazionale. Le tre domeniche precedenti il martedì grasso e quella successiva si aprono con sfilate di maschere guidate dalla figura allegorica di re Giocondo che guida e domina la scena. Il re è seguito dai carri maggiori, dalle mascherate e dalle bande. Musica, coriandoli, dolci invadono le strade. Il carnevale richiede la partecipazione anche delle numerose frazioni limitrofe. Nel borgo si può ammirare la torre civica, il palazzo comunale, il teatro Garibaldi e le molte chiese come santa Cecilia che ospita opere del Pomarancio come pure la chiesa della Trinità, famosa per il suo spiccato stile rinascimentale, san Francesco ristrutturata nel settecento. Il borgo inoltre è famoso per la fiera dei fiori e dell’artigianato e per la rassegna fotografica che si svolge nel periodo estivo fra giugno e luglio.

Ester Eroli

Leggi anche: