I tradimenti del cuore

Scegliere spesso risulta difficile. Trovarsi davanti a un bivio e non saper decidere. Le persone razionali tendono a scegliere seguendo la logica, scelgono secondo ragione. Di solito si sceglie la strada più conveniente, quella priva di remissioni. Certe volte invece si sceglie la strada più difficile, quella in salita, che non da frutti, impervia, piena di curve, economicamente svantaggiosa. Quante volte abbiamo scelto per istinto, senza pensare, affidandoci solo all’intuito. Ad esempio scegliamo di tinteggiare una parete rosa solo perché ci ricorda il colore della nostra prima e indimenticabile casa. Ci compriamo un vestito bianco solo per compiacere una persona a cui piace questo colore, anche se noi lo detestiamo. Ci avventuriamo in un insolito posto di vacanza solo perché lo ha consigliato il nostro migliore amico. Non vogliamo deludere, voltare le spalle alle persone care. Allora ci rompiamo l’osso del collo per poter realizzare i loro sogni, che magari non sono i nostri. In altre parole alcune volte, specie se siamo sensibili, scegliamo con il cuore. Ci lasciamo guidare da tutta una gamma di sentimenti e sensazioni che la ragione rifiuta in quanto fonte di disorientamento. Perdiamo la bussola e magari scegliamo la strada più faticosa, più irta, quella piena di sassi aguzzi, dolorosi per i nostri piedi delicati. Eppure certe scelte pesanti le rifaremo di nuovo se ci venisse data un’altra possibilità. Sul più bello quando stiamo per concludere un affare vantaggioso economicamente, quando stiamo per vendere la casa dei nonni ci assale la nostalgia. I ricordi ossessionanti ci riportano le parole pronunciate dai nonni nel lontano passato. Torniamo sui nostri passi sconfitti dal cuore. Non riusciamo a fare quello che la ragione ci detta prepotente. La casa dei nonni è vecchia, lontana dalle vie principali, scomoda, malmessa eppure noi non possiamo e non vogliamo disfarcene. In quella casa ci sono i nostri pensieri, i ricordi, c’è il nostro passato racchiuso in quelle quattro pareti nude e spoglie. Gli altri ci incitano a vendere, a intascare i soldi, a godere di quel denaro. Ma noi ostinati gettiamo la spugna. Ci teniamo la casa, la ristrutturiamo, spendiamo soldi. Il cuore al momento opportuno si fa sentire, ci tradisce, ci volta le spalle. Siamo costretti a seguire il suo battito, che si fa più forte quando ci allontaniamo dai suoi proposti. Quando seguiamo il cuore la notte dormiamo tranquilli come bambini. Ci svegliamo leggeri e pimpanti: abbiamo fatto la scelta giusta, la scelta del cuore.

 

Ester Eroli

 

Leggi anche: