Il mondo delle illusioni

L’uomo per vivere ha bisogno di speranze e di illusioni. La cruda realtà è difficile da affrontare. L’illusione non è altro che una alterazione della percezione della realtà. Il proprio processo mentale viene considerato una verità certa. Le illusioni sono le idee che ci costruiamo noi che non sempre corrispondono a verità. Ci si può illudere continuamente senza per questo essere una persona mediocre. Il filosofo greco Demostene sosteneva: nulla è più facile che illudersi. Perché l’uomo crede vero ciò che desidera. Nella vita comunque appare evidente il contrasto tra illusione e realtà. Il romanzo di Federico De Roberto: “L’illusione” descrive nel dettaglio le caratteristiche di una persona illusa. La protagonista Teresa, aristocratica siciliana, crede di poter veder realizzati i suoi sogni. Lei aspira all’amore puro, perfetto e vorrebbe un uomo alla sua altezza, di rango elevato, che le voglia bene veramente. I suoi sogni adolescenziali sono destinati ad infrangersi. Dopo un matrimonio fallimentare Teresa si getterà fra le braccia di un amante. Dopo vari strappi e fallimenti di ogni tipo, si ritroverà sola, stanca, disingannata. Dopo i turbamenti giovanili, le sfide, gli scandali lei capirà di aver inseguito per anni un vano sogno d’amore. L’amore è solo una delle tante illusioni. La conclusione appare scontata, Teresa giungerà a dire che tutta l’esistenza umana si risolve in una grande illusione. In ogni tappa della sua vita lei si era illusa di poter cambiare le cose, di ottenere dei miglioramenti senza successo. La vita è un andare avanti con la speranza di poter mutare le cose, di poter vedere concretizzati i propri sogni, le proprie legittime aspirazioni. Psicologicamente le illusioni possono aiutare a vivere. Ci si può illudere di essere belli, di essere capaci, e questo contribuisce ad aumentare la nostra autostima. Le illusioni, se non sono sogni a occhi aperti, possono essere salutari.

 

Ester Eroli