Interessanti seduzioni del potere

Interessanti seduzioni del potereDi solito un progetto, di qualsiasi natura, economico, politico porta sempre al potere, che premia gli audaci. La vittoria è sempre nelle mani dei più intraprendenti che cercano di realizzare i loro progetti più arditi. E’ consuetudine che il potere, sprezzante del pericolo e dei rischi, tracci dei piani entusiasmanti, immaginando specifiche strategie. La competenza, la cultura, vengono messe al servizio della bramosia e dell’ambizione che non viene repressa ma caldeggiata. Molto si è teorizzato sul potere ma una cosa è certa che esso intende superare tutti gli ostacoli possibili che precludono la strada del successo. Gli uomini di potere sono persone arrivate, piene di esperienza, stimate, sicure, risolute, all’apparenza seri. Non prendono nulla alla leggera. Per loro è naturale imporsi come guerrieri valorosi pronti a disarmare i rivali. Sono convinti di meritare il successo e quindi ambiscono a lasciare una traccia nella storia. La loro forte identità e personalità li spinge ad essere tenaci e pazienti, freddi e determinati. La loro forza d’animo è notevole e invincibile. Sono, specie all’inizio, collaborativi, disinvolti. Il loro atteggiamento è immutabile nel tempo. Di solito mettono in evidenza le loro capacità, si mostrano superiori con un sorriso misterioso sul volto, pretendono molto dagli altri, mostrano il loro disappunto con smorfie sarcastiche e osservano gli umili con occhi perplessi. Davanti a un pari di livello cercano di ingrandirsi puntando sulle proprie carte vincenti come a poker. Con il tempo si scopre che molte cose rimangono nell’intenzione senza venire attuate e che non si tenta nemmeno di impegnarsi. Le false promesse sono solo esche. Inoltre si scoprono tutti i giochi e i travestimenti del potere, le sue stravaganze. Il mondo del potere a un certo punto sembra un mondo capovolto dove vigono altre regole, dove si diffondono altri messaggi. Gli uomini di potere poi di solito cadono su un punto debole. Si lasciano sedurre e irretire, nei giochi di salotto, perdendo di vista la meta finale, da giovani donne spregiudicate che magari sono state chiamate all’opera dalla parte avversaria. A queste donne seducenti gli uomini di potere confidano fatti privati, questioni pubbliche. Consegnano segreti importanti che dovrebbero appartenere al governo, allo stato. Scambiano per piacevolezza e amore quello che è solo un carpire informazioni utili. Una donna appariscente riesce sempre a cogliere di sorpresa l’uomo più potente della terra. Queste donne circolano apposta per incastrare, per convincere. Così un uomo potente, con la scorta, finisce ad essere un fragile burattino di legno nelle mani di un abile donna. L’uomo si illude, vive di miraggi e si concede anima e corpo. Dissuadere questi uomini è difficile. E’ improbabile che si torni indietro. Bastano delle lunghe ciglia, magari finte, un lenzuolo di seta per cambiare il corso degli eventi. Nascono scandali, lotte intestine, rappresaglie, invidie, gelosie. Non ci sono alternative e spesso si arriva alla fine della carriera che coincide con l’oblio e persino la beffa e anche l’isolamento. Persi dietro a una gonna alcuni uomini di potere hanno perso occasioni per imporsi ancora di più, altri sono addirittura falliti. Sarebbe opportuno rinnovare, cambiare questo sistema. Un uomo di potere dovrebbe accontentarsi della propria famiglia e non cercare emozioni estreme fuori casa. Invece sono sempre di più gli uomini di potere persi dietro donne fatali messe in campo quasi apposta. E’ sempre triste sapere di uomini potenti che si perdono dietro futilità come donne, messe nere, tarocchi. Quel genere di emozioni dovrebbero essere prerogative di persone meno colte, meno sagge, quelle che essi stessi disprezzano dall’alto della loro posizione dominante.

 

Ester Eroli