La festa di San Giuseppe a Itri (Latina)

La festa di San Giuseppe a Itri (Latina)Un colpo di petardo sordo quasi violento segna ogni anno l’apertura della festa di san Giuseppe a Itri in provincia di Latina. E’ una festa unica, particolare, organizzata dalla pro loco, dall’amministrazione comunale e dalle scuole e aziende locali e che dura mediamente tre giorni. Il giorno precedente il 19 marzo la statua del santo viene portata in processione, insieme alla statua della Madonna e di san Michele arcangelo e vengono consegnate ai vari rioni del paese le fiaccole necessarie per il giorno dopo. La sera della festa di san Giuseppe si assiste a una notte magica rischiarata dai bagliori di immensi falò accesi, uno per ogni quartiere. Ogni piazza, ogni zona ha il suo suggestivo falò. Le frasche da bruciare vengono preparate con largo anticipo, ma durante i fuochi si possono bruciare anche oggetti e cose vecchie. Sono possibili in questi contesti bellissime foto di gruppo con i falò.

La festa ha mutato aspetto nel corso del tempo, dando vita anche a molteplici variazioni. E’ una celebrazione corale, collettiva di valore emotivo e simbolico. L’iniziativa culturale ha la sua origine nei riti pagani del solstizio, che segnava la fine dell’inverno. La festa prevede mostre artistiche, mostre fotografiche, esibizioni di artisti da strada, degustazioni di prodotti tipici, ascolto di musica popolare e di filastrocche locali in dialetto e pizzica, improvvisazioni, concerti, tavole rotonde, letture, percorsi gastronomici, musica etnica, visite al castello del paese, balli e danze tradizionali, cibi offerti da vari istituti agrari della zona.

Il paese organizza la festa unito e compatto, alla preparazione partecipano anche alunni delle scuole e insegnanti. Nelle cene si possono assaggiare ceci, fagioli, bruschette, olive, salsicce alla brace, pizza, primi piatti gustosi, pane alle olive, cicoria, mozzarella di bufala, polenta con cinghiale, zeppole, vini. Per i non residenti ci sono navette disposte a fare la spola all’interno dei vari percorsi.

 

 

 

Ester Eroli

 

Leggi anche: