Il museo dei videogiochi di Roma

A Roma in via Sabotino 4 è possibile ammirare il museo del videogioco, realizzato dall’università di tor Vergata e il comune di Roma . E’ stato inaugurato nell’ottobre 2012, ed è aperto ogni giorno dalle dieci alle venti escluso festivi e lunedi’. Il prezzo del biglietto è gratuito per bambini piccoli, guide turistiche, dipendenti del ministero della cultura, giornalisti accreditati. La visita deve essere prenotata con email. Le visite guidate possono essere fatte in orari stabiliti sia in italiano che in inglese, con un gruppo minimo di quattro persone. Per le visite guidate ci vuole un prezzo superiore nel biglietto. Sono possibili anche prenotazioni telefoniche. Per le scuole ci sono sconti e per gli insegnanti accompagnatori il biglietto è omaggio. Molte sono le tariffe agevolate. Chi possiede la carta vagamus ha degli sconti e i possessori di pass. I possessori della bibliotecard hanno diritto allo sconto.

Il museo spesso ospita mostre temporanee e fisse  e gode di un posteggio per auto. Nel museo troviamo consolle, postazioni  per giocare sempre aggiornate ogni mese per consentire ai clienti una esperienza diversificata. Ci sono videogiochi del passato, maxischermi per vedere la storia dei videogiochi. Il centro ricreativo è un polo di intrattenimento molto moderno.

Le aree espositive sono divise per aree tematiche, per nuclei tematici .  Nelle sale troviamo pannelli illustrati in lingua italiana e inglese, Le icone dei videogiochi sono frutto di donazioni. Molti cabinati sono originali. Nelle sale gioco troviamo l’evoluzione dei personal computer. Troviamo ben 440 pezzi originali in sale speciali. I pezzi storici e unici  sono veri giochi d’epoca.

I percorsi tematici seguono gli eroi dei videogiochi e i creatori.

 

Ester Eroli

 

Leggi anche: