Profondo rosso

Profondo rossoA Roma nell’elegante rione Prati, a via dei Gracchi 260, raggiungibile facilmente con la linea A della metropolitana alla fermata Lepanto,  nei sotterranei di un negozio chiamato Profondo rosso, troviamo un fantasioso e insolito museo, macabro e suggestivo . Si tratta del museo degli orrori di Dario Argento. L’insolito museo è aperto tutti i giorni dalle nove e trenta  fino alle diciassette e trenta esclusi i festivi e la domenica. E’ stato creato dal regista Dario Argento nel 1989. Si accede tramite una scala a chiocciola piccola avvolta da una luce fioca e si arriva a un unico corridoio fiancheggiato da stanze  e celle chiuse da cancelli in ferro dove sono racchiusi cimeli e documenti utilizzati in molti film dello stesso Argento  e di altri registi Horror. In sottofondo si sentono sospiri, lamenti, rumori e suoni particolari. Nelle celle si possono trovare mostri, effetti speciali, luci usate, parrucche, fantocci, materiali scenici d’effetto, tutta una serie di oggetti horror usati da molti registi del genere sia italiani che stranieri. Vengono ricostruiti gli ambienti di molti film di Argento come Profondo rosso, Due occhi diabolici, Demoni, Sindrome di Stendhal, Phenomeno, Opera, La chiesa ecc. Durante la visita una voce fantasma guida il visitatore e da spiegazioni esaurienti e accentua la tensione. Gli oggetti originali, le scenografie presenti gli effetti sonori sono stati curati dagli stessi registi come lo stesso Fellini presente con il filma la nave va. Alla fine uno specchio stregato colpisce il turista. Usciti dagli inferi della cantina del sotterraneo nel negozio si possono comprare libri, cassette di film, oggetti tutti appartenenti ovviamente al genere horror.

 

Ester Eroli

 

Leggi anche: