AA.VV. Retrobottega – I poeti di Poiein 2010 Edizioni CFR – 2011, pp.152 – € 15

i poeti di Poiein 2010 edizioni cfr 2011Claudia Ambrosini è una sinologa e cerca, nelle sue poesie, di mettere insieme l’autentica e se vogliamo antica anima lirica lombarda, con le suggestioni dell’antica cultura cinese. Barbaro è uno studente universitario molto schivo e riservato, che esordisce in questa antologia con versi semplici e profondi. Nunzia Binetti, leccese, affronta tematiche della sensibilità femminile e del rapporto con il maschile (nel modo di vedere e sentire anche il mondo e la storia). Vanjo Garbujo è un sacerdote e abita a Musile del Piave (VE); la sua intensa meditazione religiosa sembra prendere spunto e voler seguire lo spirito dialogico della poesia turoldiana. Nunzio Festa con i suoi ritmi anarcoidi in realtà cerca quell’anima popolare del Sud di straordinaria sapienza e di scarsa permeabilità alle chiacchiere del progresso. Lisciani Petrini è invece un poeta attento a ritmi e sonorità inedite, attento alla cultura letteraria classica, alla ricerca linguistica. Alberto Mondi si interroga sul rapporto fra la nostra cultura e quelle orientali, che egli frequenta nei suoi viaggi di lavoro, con l’occhio dell’osservatore attento e un sentimento elegiaco ma anche disincantato. Virginia Murru recupera una poetica della libertà in senso forte, anche come donna, e pur nella mitezza e nella riservatezza del suo carattere esprime con passione l’avversione alle sovrastrutture del nostro stile di vita al registro falso e spersonalizzante dei rapporti umani. Fabio Rocci invece è un poeta attento all’ordine dei simboli e sente con molta forza il problema della verità nella poesia. Infine Anna Ruotolo, con la sua lirica solare, in questa silloge esprime l’idea di positività e di fiducia, senza però mai distaccarsi dalla realtà, dall’identità, dalla terra.

Voci quindi molto diverse, per stile, per tematiche. Vi sono autori che hanno alle spalle una o più pubblicazioni, a cominciare da Festa (che ne ha parecchie, poco conosciuto forse perché questa è la sorte di molti poeti “decentrati” dai grandi centri culturali), e a seguire Lisciani Petrini, Garbujo, la stessa Ruotolo (benché giovanissima). Altri hanno forse pubblicato qualche lirica su riviste, o nulla del tutto.

G. Lucini

 

Nunzio Festa