Appignano del Tronto

Appignano del Tronto è un paese situato in provincia di Ascoli Piceno su un crinale collinare, dove un torrente divide il territorio in sei parti, territorio soggetto ai fenomeno dei calanchi  Il centro storico racchiude la chiesa dedicata a Giovanni Battista con la facciata in stile lombardo. Il paese si è poi allargato comprendendo le colline limitrofe.

Il paese è famoso per una singolare iniziativa. Ogni anno il trentuno dicembre si assiste per le vie del centro storico alla processione dell’anno vecchio, un grottesco e goliardico  corteo funebre in costume, dove sono simbolicamente rappresentato tutti i mesi dell’anno che sono ormai morti.

Si tratta di un vero e proprio funerale che mescola sacro  e profano. Dopo il cenone intorno alle ventidue-ventitrè inizia il tradizionale coteo funebre, sono le esequie del defunto anno vecchio. I personaggi appaiono grotteschi e divertenti. Una banda accompagna il corteo funebre suonando quasi sempre un’aria funebre. Sfilano anche le corone, le ghirlande con i fiori sbiadite simbolo dell’evanescenza del vecchio anno ormai deceduto.

La manifestazione risale agli anni cinquanta ed ebbe in passato molta risonanza sulle riviste e giornali. Secondo la tradizione orale le sue origini risalirebbero all’ottocento.

Il corteo, un tempo visto solo dalla gente locale, richiama molti visitatori. L’ingresso è libero.

Attualmente i festeggiamenti iniziano il trenta dicembre con la veglia funebre, sempre con ingresso libero, accompagnata da spettacoli teatrali e musicali a tema, con la visita alla camera ardente e la sistemazione della bara.

Il corteo si conclude ogni anno a piazza Umberto I.  alla fine della manifestazione si può assistere allo spettacolo dei fuochi d’artificio. Il tutto accompagnato da musica, spesso dal vivo, fino all’alba dei nuovo anno.

 

Ester Eroli