Avere successo

Tutti indistintamente nella vita sognano di avere successo, di essere famosi, di essere riconosciuti per strada, di avere una certa notorietà, importanza. Molti si espongono pur di farsi vedere almeno una volta in televisione, sui giornali. Tutti ambiscono ad avere popolarità, sia gli adolescenti, sia i grandi, sia le persone benestanti che i poveri. Tutti vorrebbero vedere realizzati i propri sogni. Per vivere ci sono persone che hanno bisogno di farsi vedere, notare, additare. Molti si fanno raccomandare per partecipare a una trasmissione televisiva e si vantano di conoscere persone dello spettacolo. Le ragazze si presentano ai provini di tv e teatri con gli occhi scintillanti, la faccia allegra. Vogliono far esplodere di invidia le amiche. Molte raccontano bugie in famiglia e si recano a fare provini contro il volere espresso dei familiari. Molte ragazze si recano insieme a sostenere i  provini per condividere il segreto, l’ansia. Niente le spaventa, le umilia. In alcune ragazze c’è proprio la voglia di sfondare. Si presentano spavalde, con i capelli scomposti. Stringono i denti perché vogliono arrivare come si dice nel gergo.

Sembra che il successo sia l’unico che gratifichi, come se non ci sia altra scelta. Molti si mangiano le mani per non aver sfruttato abbastanza certe occasioni, di essere andati vicini al successo, di averlo sfiorato senza concludere nulla.

Ci sono madri coraggio che trasferiscono sulle figlie le proprie ambizioni frustrate. Le spingono verso il mondo luccicante del cinema dello spettacolo dove di dorato ci sono semmai solo i vestiti. Chi ha superato i provini si monta la testa si considera una divinità, si insuperbisce.

In realtà la strada del successo è costellata di trappole, inciampi, crisi. Si finisce per essere vittime di strani e complicati sistemi.

Il successo specie se da alla testa può portare al fallimento, alla disperazione.

Entrano in gioco spesso le invidie, le gelosie. Ci sono sorelle gelose che fanno dispetti, familiari ostili, fidanzati gelosi, amiche invidiose, colleghe perfide, padri furiosi, anziani lascivi pronti a farsi avanti.

Per molti è importante la visibilità a qualsiasi costo. In certi casi l’anonimato è preferibile quando si può fare quello che si vuole senza controllo. Ci si può realizzare anche nel fallimento perché spesso non tutti i mali vengono per nuocere.

Ester Eroli