Cat Café, il nuovo business made in Japan

Cat Café, il nuovo business made in JapanA Londra, sull’esempio del Giappone, come pure a Vienna, sono sorti due cafè particolari dove è possibile familiarizzare, entrare in amicizia, con soggetti affascinanti mentre si assapora una fumante tazza di tè alla pesca, all’arancio o un caffè bollente. I cat cafè consentono di coccolare un gatto, da scegliere nel menù, nell’ora del tè nel pomeriggio o alla sera. Si può scegliere la razza del micio con cui si vuole passare il pomeriggio seguendo un dépliant. Si può richiedere, quando si torna al locale, un nuovo esemplare o quello già sperimentato. Naturalmente bisogna prenotare telefonicamente il gatto prescelto. Infatti il carattere dei mici varia a seconda delle razze. Si può rimanere nella sala centrale o appartarsi, per i più timidi, nei separé e in simpatici siparietti. I gatti possono trovarsi adagiati su comodi cuscini. Di solito vengono presi da apposite oasi feline. A frequentare questi salottini intimi in locali alla moda londinesi sono soprattutto giovani ma anche persone di mezza età. In Giappone si è diffusa questa usanza perché gli appartamenti sono molto piccoli e non consentono di prendere in casa un animale da compagnia. Molti single giapponesi, molto timidi, che vivono nei monolocali trovano conforto nella bottega del gatto di Tokyo. Dopo una snervante giornata di lavoro molti si lasciano alle spalle lo stress accarezzando un morbido quattro zampe dall’aria serena. Si possono avere tra le mani gatti di razza pregiatissima sempre pronti a fare le fusa. Qualche volta un gatto è più gentile di un amico scorbutico e intrattabile, dal carattere pesante o di una donna bisbetica e indomabile.

 

Ester Eroli

 

Tokyo Cat Café