Consigli per criceti nani

Consigli per criceti naniI criceti nani fanno sempre parte della famiglia dei cricetidi ma a differenza del criceto comune chiamato anche dorato sono decisamente più piccoli. Un criceto nano adulto arriva ad una lunghezza di circa 8 cm. I criceti nani si dividono in due categorie principali la specie campbell e i criceti russi (chiamati anche siberiani). I criceti campbell presentano varie pigmentazioni del pelo mentre i criceti siberiano possiedono sono due varietà di manto: zaphire e winter white! Quando un criceto campbell presenta il manto bianco è facilmente scambiabile per un criceto siberiano winter white! È difficile poterli riconoscere per questo è meglio trovare un veterinario specializzato in animali esotici. Infatti i criceti rientrano nella categoria degli animali esotici e molti veterinari non sono specializzati nelle cure di queste creature.

Hanno una vita media di 2 massimo 3 anni. Sono animali molto delicati e con un metabolismo molto veloce!

Come gli altri criceti hanno la crescita continua di denti e unghie le quali devono essere tagliate se il criceto non le consuma. Se il veterinario ritiene che i denti siano troppo lunghi provvederà per a una limatura. I criceti sono animali notturni per cui la loro attività si svolgerà sopratutto di notte! A volte si svegliano durante il giorno per rifornire la propria tana di cibo oppure per farsi semplicemente un giretto sulla ruota.

Habitat:

La gabbietta di un criceto deve essere abbastanza spaziosa almeno un 50×30 cm! In commercio ci sono diversi tipo di lettiera, è possibile utilizzare pellets o sabbie granulose (da me personalmente sconsigliate) e trucioli di mais a cui va aggiunto uno stato di fieno. Se utilizzate i trucioli di mais prima di cambiare la gabbia lasciate i trucioli in una bacinella per almeno un giorno poichè questa lettiera è molto polverosa e potrebbe causare danni respiratori al vostro criceto.
Una cosa molto importante: NON utilizzate il cotone per la tana del criceto! È molto pericoloso infatti il cotone può avvolgersi sulle zampine del criceto e provocare danni alle zampe! Inoltre i criceti tendono a mettere in bocca qualsiasi cosa e il cotone potrebbe essere nocivo se ingerito!
Invece del cotone potete utilizzare fazzoletti di carta o carta igienica tagliata a striscioline. Il vostro criceto si divertirà molto a portare in giro le sue strisce e a costruirsi il nido! Inoltre sono sicure! Ma non utilizzate carta colorata o profumata! Personalmente per farlo divertire utilizzo i rotoli dello scotex finiti: il criceto si divertirà a passarci dentro e a volte li userà per farsi i denti. Inoltre è importante che nella gabbia sia sempre presente una ruota! I criceti amano correre! In commercio si trovano anche delle palle dentro le quali si può mettere il proprio criceto! Il criceto potrà così muoversi per casa senza pericolo! L’uso della palla è consigliato per non più di mezzora al giorno.

Alimentazione:

In commercio sono presenti svariati tipi di alimenti di varie marche. Vi consiglio di scegliere il mangime con meno semini vari dentro! La composizione deve essere il più semplice e naturale possibile. In particolare i semi di girasole vanno somministrati solo ogni tanto come premio o comunque come extra (per loro sono come un dolcetto). E’ importante che settimanalmente venga somministrata frutta (poca perchè contiene zuccheri), verdura e formaggio. Se il criceto non è abituato a mangiare cibi freschi è opportuno introdurli nella dieta dell’animale in modo graduale. Inoltre è consigliato servire il cibo a temperatura ambiente. Se il cibo fresco non viene consumato è opportuno rimuoverlo il giorno dopo per evitare che si formi la muffa.

Allevamento:

I criceti nani sono tendenzialmente molto docili con l’uomo sopratutto se allevati in casa fin da cuccioli ma in ogni caso ogni criceto ha il proprio carattere e quindi potrebbe risultare più o meno socievole.
Si consiglia di adottare i cuccioli da privati ed evitare di comprarli in negozio per alcuni importanti motivi: i cuccioli allevati da privati sono nati e cresciuti con la presenza dell’uomo quindi non lo temono e si abitueranno più facilmente al nuovo padrone. Inoltre se i cuccioli sono nati in casa è più probabile che l’allevatore sappia le genealogia della prole e quindi che i cuccioli abbiano meno problemi di malattie genetiche. Infatti spesso i criceti venduti in negozio vengono fatti accoppiare tra consanguinei e questo crea notevoli problemi alla prole. I criceti non uccidono i propri cuccioli senza alcun motivo. Nei criceti nani questo avviene raramente e a differenza dei criceti dorati il maschio aiuta la femmina nella crescita dei cuccioli. E’ importante che durante l’allattamento alla madre non manchino le proteine perchè in carenza di latte potrebbe decidere di “escludere” i cuccioli più deboli e di allattare solo quelli più forti.
I criceti sono animali magnifici che riescono a tenere compagnia ma come ogni animale ha bisogno di attenzioni e cure.