Daniela Morgante e il bilancio romano

Daniela Morgante e il bilancio romanoIl nuovo assessore capitolino al bilancio e alle politiche economiche, chiamata a sostituire Daniela Morgante, farà parte del team della cabina di regia per la definizione del piano di rientro triennale imposto dal governo con il Salva Roma e per la realizzazione si una spending review di duecento milioni di euro. Silvia Scozzese è romana doc, comprende quindi i problemi della capitale, essendo cresciuta nei pressi di piazza re di Roma.

Laureata in legge a Tor Vergata, è stata assunta in Anci, nel 1992, per otto anni è stata capo della fondazione dell’Anci, Ifel, istituto per la finanza locale, ha fatto parte in passato della Commissione tecnica per il federalismo fiscale. Appare sin dall’inizio come un tecnico abituata a trattare con i politici e con gli amministratori locali. E’ stata chiamata a rimettere in sesto i disastrosi conti del comune di Roma e per questo è stata definita subito la zarina dei conti capitolini. La sua disponibilità è stata immediata, ma ha subito sottolineato la volontà di garantire la continuità dei lavori e di rispettare le scadenze imposte dal governo.

Il piano di rientro nella sua versione definitiva comparirà solo il quattro luglio. Piano che prevede una rivoluzione nelle società del Campidoglio, una razionalizzazione della spesa, una dismissione degli immobili comunali che garantirebbe una boccata di ossigeno alle casse comunali, un taglio lineare agli stipendi dei dirigenti delle società di Roma Capitale, degli accorpamenti di alcune aziende, un intervento sul salario accessorio dei dipendenti del palazzo Senatorio, una premialità legata solo alla produttività, ricollocazione degli impiegati amministrativi, tagli alla spesa corrente, riduzione dei contratti di servizio, eliminazione di molte micro spese, controlli di tutte le società, definizione dei costi standard di Ama e Atac, riordino del trasporto pubblico locale, trasformazione di Aequa Roma in vero braccio delle entrate comunali, riduzione in generale del costo del personale. La Scozzese è chiamata a mettere al servizio del comune la sua esperienza nel campo della finanza locale. Il suo arduo compito, non privo di sforzi, sarà quello di correggere il disavanzo strutturale e di riportare in equilibrio i conti della capitale. L’esperta di finanza locale mira a un risultato prettamente tecnico non politico.

La sua personalità ci appare notevole. Quello che ci colpisce di lei, specie per chi la conosce nel profondo, è la sua semplicità e assenza di rigidità. E’ la donna della provvidenza che non ha grilli per la testa. Una donna che si è formata in trincea e che ora può dimostrare sul serio la sua competenza. Le forti personalità, le grandi menti vengono sempre alla luce. Il buio si addice ai mediocri.

 

https://www.youtube.com/watch?v=WZszf43eXd0

 

Ester Eroli