Fare nulla

happy young business man work in modern office on computer; Shutterstock ID 117818092; PO: The Huffington Post; Job: The Huffington Post; Client: The Huffington Post; Other: The Huffington Post

Nella Bibbia spesso Dio si manifesta in vari modi concreti. In molte sue apparizioni spesso ha detto: senza di me non potete fare nulla. Sembrava una frase senza senso. Gli atei considerano questa frase un modo di dire che non ha valore.

Nella società moderna l’uomo si è messo al posto di dio ed ha programmato, disposto tutto. Sono state fatte cose impensabili e l’uomo si è inorgoglito. L’uomo è convinto della superiorità delle sue risorse. L’uomo si è però anche costruito le sue trappole. I suoi progetti spesso si sono rivelati fallaci, inutili e talvolta deleteri.  Ha costruito ponti non solidi che sono crollati, ha realizzato palazzi che sono crollati. Ha violentato la natura pensando di farla franca.

Chi passava le notti nelle discoteche a drogarsi, chi nelle stazioni a rubare ai  viaggiatori,   pensava che questo poteva essere fatto all’infinito. Niente avrebbe mai fermato la nostra vita sociale. Nessuno avrebbe mai abolito i nostri svaghi, i nostri incontri, i nostri sfrenati divertimenti.

Chi aveva una amante pensava di poterla vedere sempre senza impedimento, chi stava lontano dai nonni pensava di poterli rivedere a proprio piacimento. Il coronavirus ci ha fatto capire che non si può dare nulla per scontato. La mancanza di libertà può pesare come un macigno. Non ci possiamo più scapricciare, qualcuno ci ha presentato il conto.

Nelle città deserte abbiamo capito che non possiamo fare nulla che abbiamo le mani legate e magari abbiamo cominciato a pregare, era tanto che non lo facevamo avevamo troppa fretta per arrivare non si sa dove.

Le città con le strade vuote ci hanno invitato a tacere,  il silenzio ogni tanto è capace di parlare al nostro cuore oppresso.

 

Ester Eroli