Femminicidi

FemminicidiNegli ultimi tempi la tranquillità dei giorni d’estate è oscurata da gravi fatti di cronaca che vedono protagoniste le donne e che ci hanno piombare nella tristezza . Molte sono state uccise, stuprate, accoltellate. Come se la donna fosse di proprietà degli uomini e loro avessero acquisito dei diritti. L’amore che è solo desiderio di possesso per gratificarsi. Come se fosse impossibile decidere di lasciare una persona. Il consenso delle donne sembra che non conti più. Si uccidono anche le donne che si sono rifiutate di avere una relazione. Di fronte a questi atteggiamenti inaspettati non si può lasciar correre occorre una reazione appropriata se no nuovi disastri si abbatteranno sulla testa delle donne procurando dolore e morte. Tuttavia si può agire sulla prevenzione. Innanzitutto le donne dovrebbero prendere l’iniziativa e denunciare veramente i fatti senza lasciare passare tempo prezioso. Le donne poi prima di intessere una relazione, un colloquio con un uomo dovrebbero accertarsi personalmente delle sue qualità e caratteristiche e eliminare l’idea che un uomo innamorato sia sempre gentile. Inoltre si dovrebbe evitare di prendere l’iniziativa e fare il primo passo è sempre controproducente. Bisognerebbe analizzare poi il carattere. Ci sono uomini che si mostrano subito capaci di perdere la testa, che si mostrano libidinosi, vogliosi poco rispettosi. Certi soggetti non basta tenerli a bada. Spesso alcuni hanno il cervello offuscato dalla gelosia e vanno controllati e semmai lasciati perdere. Bisogna inoltre evitare di raccontare il proprio passato sentimentale per non suscitare ridicole gelosie. Bisognerebbe fare accurate indagini sull’uomo che si fa avanti incaricando magari qualcuno, senza condurle personalmente. Molte donne invece escono più volte con la stessa persona senza avere preso precauzioni, senza pensare alle conseguenze, con leggerezza si lasciano guidare. Raccontano tutto senza nascondere niente.  Spesso anche donne mature cadono nella trappola. Ci sono infatti donne mature che hanno una sicurezza sfacciata data da un passato di donna bella e desiderata. Allora si lasciano confondere dai complimenti che ancora ricevono. Sono lusingate di essere ancora corteggiate. La vanità le porta ad avere abbagli. Così frequentano persone appena conosciute, di diversa provenienza,  di cui non sanno nulla, persone magari con un ottima posizione all’apparenza impeccabili. Solo con il tempo si convincono di aver sbagliato, quando ormai non possono tornare indietro. Un altro errore è quello di procedere a ruota libera senza venire a patti con l’uomo che si vede. Invece si dovrebbe parlare chiaro e stabilire delle regole di condotta, regolarizzare il rapporto seguendo le regole del vivere civile. Non si dovrebbero accettare compromessi. Solo la sincerità dovrebbe essere apprezzata. Bisognerebbe imparare a leggere dentro un uomo a carpire il suo cuore. In caso di dubbio bisognerebbe evitare le convivenze. E’ un vero peccato che vengano uccise donne valide, nel vigore degli anni. Nei casi più gravi spesso basterebbe una lettera a un parente, alla polizia. Il silenzio è nocivo sempre.

 

Ester Eroli