Il centro medievale di Bruges

Il centro medievale di BrugesDove l’architettura medioevale fa da padrona è Bruges in un piccola cittadina delle Fiandre. Il centro storico, circondato da canali, diviso in distretti, è tipicamente medioevale ed è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco. I suggestivi canali ora sono utilizzati solo per fini turistici, in passato erano adibiti al trasporto delle merci. In passato Bruges era una potenza economica di rilievo. Questo lo testimoniano i suoi monumenti come la chiesa cattedrale di San Salvatore, in mattoni, in perfetto stile gotico, con una torre romanica, il palazzo di giustizia, la piazza del mercato, le antiche porte, il municipio in stile gotico, i musei come quello dedicato a pittori famosi come Bosch, la torre civica simbolo della città, la chiesa di Nostra Signora in stile gotico con un vistoso campanile, che racchiude al suo interno la madonna con il bambino di Michelangelo. In questa terra fiamminga troviamo i beghinaggi ampiamente descritti nelle poesie dei crepuscolari. Sono piccoli edifici vicini con un cortile dove un tempo risiedevano le suore laiche di tradizione cattolica. A un certo punto le beghine furono quasi un movimento religioso costituito da sole donne. Erano donne che volevano servire il signore senza rinunciare troppo agli agi del mondo reale. Queste suore laiche seguivano delle regole ma non erano rigide regole monastiche. Altri beghinaggi famosi sono quelli di Breda, Amsterdam ecc. I Paesi Bassi hanno dato un enorme contributo al diffondersi di questa dottrina e di questo gruppo religioso. Ora restano solo le abitazioni a testimonianza di un passato che non esiste più e che solo la poesia crepuscolare ricorda con i suoi malinconici versi.

 

Ester Eroli