Indipendenza energetica: con gli incentivi statali l’impianto fotovoltaico è a costo zero

Indipendenza energetica: con gli incentivi statali l'impianto fotovoltaico è a costo zero Un tempo la parola “fotovoltaico” era accostata a diversi dubbi: – “Le mie tasche ne guadagneranno?” – “Coprirà il mio totale fabbisogno energetico?” Ebbene, oggi montare un impianto fotovoltaico non è più solo una scelta dettata dall’etica personale: è diventato un vantaggio economico concreto. I pannelli solari sono un modo per liberarsi totalmente dalla bolletta energetica, hanno uno scarsissimo impatto estetico e architettonico e coprono senza problemi il consumo di una famiglia media e cioè 3 kw. L’impianto verrà coperto totalmente dal conto energia del GSE (Gestore dei servizi energetici) e dal risparmio derivato dall’abbandono della bolletta. Il GSE remunera tutta l’elettricità prodotta, con una “tariffa agevolata” di circa 40 cent. ogni kw/h, che farebbero un monte di 1.500 euro l’anno (somma calcolata sui consumi medi nazionali). Considerato che il costo medio di un impianto è di circa 15.000 euro, l’impianto in 10 anni è completamente ripagato. E’ sufficiente avere un tetto con 30 mq liberi, vivere in una casa indipendente ed il gioco è fatto: niente più bolletta e in vent’anni avrete addirittura raddoppiato il capitale investito!

 

 

 

Fonti:

– Gestore Servizi Energetici (sugli incentivi statali): http://www.gse.it/

– Osservatorio Finanziario (sul calcolo dell’effettivo guadagno): http://www.osservatoriofinanziario.it/of/newslarge.asp?id=847

 

Paolo Cocuroccia