La calma delle persone asiatiche

La calma delle persone asiaticheNegli ultimi tempi notiamo una presenza sempre più massiccia nel nostro territorio, nelle grandi come nelle piccole città, di popolazioni asiatiche come cinesi, mongoli, coreani, cambogiani, birmani, malesi ecc. Se facciamo anche un breve viaggio nella nostra città notiamo la presenza di molti centri e negozi gestiti in prevalenza da asiatici. Molte palestre sono organizzate da coreani in modo diligente e coscienzioso. Se ci sono poi anche italiani il sodalizio ottiene sempre dei successi.

Sono palestre in cui il fisico viene esercitato alla grande e in cui si osserva una particolare cura per il corpo tipica della gente asiatica, che rispetta la vita dello spirito quanto quella del corpo. Gli asiatici in ogni contesto lavorativo sono instancabili, con la smania solo di riuscire, di raggiungere il traguardo. Lavorano fino a tarda sera incuranti di tutto e magari tornano al loro paese solo dopo tanti anni, magari in estate. Seguono sempre la strada maestra e non si perdono in questioni oziose, di poco conto. Le loro aspirazioni volano alto, non si accontentano di poco. Se per caso frequentiamo un loro negozio ci rendiamo conto del loro carattere, della loro cultura. Innanzitutto sono socievoli e cortesi, mai aggressivi, miti, educati, docili. Il loro temperamento non è combattivo, certo attaccano se si devono difendere. Hanno un tempra dura ma non amano il comando assoluto.

Non amano imporsi con la forza. Amano socializzare anche se si mostrano diffidenti verso il nuovo. Tuttavia hanno un notevole spirito di adattamento. Nel gestire i rapporti rispettano le regole della convivenza. Sono seri, vigili e attenti, curiosi del nuovo e infatti apprendono con estrema facilità. Non disprezzano l’intelletto e sono ottimi osservatori. Hanno un forte equilibrio nervoso e non agiscono mai d’istinto. Sono saggi e scrupolosi. Non sono egoisti e non amano fare pettegolezzi. Sono cortesi e tolleranti con il cervello sempre attivo.

Se frequentiamo una parrucchiera asiatica vediamo che consiglia con calma, ci accoglie con un sorriso. Se invece andiamo in un negozio italiano vediamo subito pettegolezzi, smanie e malintesi. La proprietaria stessa agisce di impulso, si mostra scortese e polemica, dal carattere instabile. Le clienti sono condannate spesso ad essere maltrattate anche senza motivo o discriminate. Le asiatiche invece non fanno distinzione di clienti, per loro sono tutte uguali e trattano tutte alla stessa maniera.

Il carattere degli italiani, pur essendo originario, è volubile e tenebroso. Gli italiani nel complesso sono più nervosi e scattosi e danno valore spesso a futili questioni. Nel complesso gli italiani si comportano bene ma si lasciano influenzare da certi contesti. E’ indubbio che la fame degli italiani è legata anche alle condizioni geografiche e climatiche della nazione. Forse nel continente asiatico la pace delle montagne e il silenzio naturale dei deserti ha finito per influenzare positivamente il loro carattere calmo. Gli italiani, costretti a vivere in spazi ristretti fra mille rumori, sono più disfattisti e nervosi e sempre pronti a lamentarsi di tutto quello che non va. La calma sfoggiata dagli asiatici dovrebbe costituire un esempio.

 

 

Ester Eroli