Mancini

Tutti sappiamo che i mancini hanno il lato sinistro del corpo sviluppato e quindi la parte destra del cervello. Esiste un giorno a loro dedicato che è il tredici Agosto. Secondo gli storici i mancini sarebbero esistiti sin dalla età antica. La loro origine è sicuramente genetica. Per un raro meccanismo genetico si creano dei discendenti mancini e la trasmissione può benissimo saltare una generazione. Nella evoluzione i nipoti possono essere mancini per causa dei nonni non dei genitori. I mancini possono avere dei vantaggi in alcuni sport come la lotta libera, la caccia ecc. Molti sono i pugili mancini. Per il baseball e il cricket i mancini non hanno problemi come nello studio dell’arabo. Ci sono negozi specializzati per i mancini ai nostri giorni. In alcune liuterie si vendono chitarre per mancini e strumenti musicali adatti.

Un figlio mancino si scopre subito basta guardare come mette la forchetta a tavola, come porta l’ombrello. Le statistiche parlano di un numero maggiore di maschi mancini rispetto alle femmine.

In passato a  partire dal medioevo la stessa parola mancino aveva una accezione negativa. Il termine viene dal latino mancus nel senso di mutilato. Usare la mano sinistra era un atto funesto che portava male perché la sinistra era la mano del diavolo. I  mancini erano degli invertiti che andavano puniti anche con punizioni corporali. Alcuni erano accusati di pazzia e demenza. I mancini erano indegni e a loro si portava poco rispetto. Non dovevano accedere in certi luoghi. Non meritavano considerazione. Non potevano assistere a certe cerimonie pubbliche. Molti negavano di essere mancini, dissimulavano il problema. Erano considerati dei maledetti. Con il tempo ci si rese conto che erano più creativi degli altri, più saggi.

Con l’avvento della modernità ci si rese conto che il mancinismo è solo un carattere individuale come tanti altri. Anche se in alcune civiltà il mancino è guardato a vista. In Cina si predilige ancora la destra.

In passato anche recente sia genitori che insegnanti imponevano l’uso della mano destra con degli esercizi specie per la scrittura manuale. Ci si è resi conto che le conseguenze erano notevoli: incertezza, problemi comportamentali e psicologici. Si trattava di una forzatura inutile e dannosa per il sistema nervoso e per la serenità del bambino. Ora si cerca solo di favorire l’uso di ambo le mani.

L’unico inconveniente per i giovanissimi è l’uso delle forbici ma con l’abitudine ci si adegua.

 

Ester Eroli