Ragazze nottambule

Gli amori dei nostri tempi sono fragili come canne al vento, sono leggeri come brezza, si dissolvono come nebbia. Per tirare a campare si passa da una storia all’altra. I ragazzi abituati a vivere tra sbornie e schiamazzi, tra follie e corse con le moto, sono allergici alla vita tranquilla e prediligono viaggi, divertimenti incontrollati e quindi ragazze con abiti scollati, con atteggiamenti aperti. Non hanno certo nostalgia di ragazze troppo serie e silenziose.

Spesso ragazzi giovanissimi si fidanzano precocemente con vere e proprie bambole amanti del lusso, del divertimento sfrenato. I ragazzi sono inclini a scegliere donne gaudenti, poco rigide e assennate. La saggezza non viene ricercata. Ci si abitua ai bagordi. Sono le ragazze sguaiate che brillano nel cuore degli uomini giovani come oro puro.

Poi però i ragazzi maturano e si sposano con le ragazze nottambule che hanno scelto. La convivenza si rivela dopo un certo periodo disastrosa, poco felice. Subentra rabbia, malcontento, noia, liti, battibecchi.

Le ragazze non puliscono mai, vogliono solo uscire, non si sacrificano, vogliono solo andare in bar, discoteche, pizzerie, rifuggono dagli impegni familiari e domestici. Le moglie giovani vogliono solo feste frenetiche , balli, canti. Molte escono anche quando il marito non c’è, e si fanno riaccompagnare da altri ragazzi scatenando gelosie. Le ragazze vogliono categoricamente continuare la vita di bagordi che facevano da adolescenti. Si truccano alla stessa maniera, si mettono abiti appariscenti come se non fossero mai cresciute.

I ragazzi che sono divenuti uomini mal sopportano i comportamenti adolescenziali delle mogli e poi pretendono una maggiore presenza e precisione. Invece trovano panni non lavati, cucina sporca. Molti perdono la calma e tutto degenera. I divorzi sono dietro l’angolo.

Bisognerebbe essere più oculati nella scelta, poi se si vuole fare la vita allegra è un altro paio di maniche le nottambule sono indicate.

 

Ester Eroli