Suocera

Il mondo va avanti con la sua tecnologia, le sue ricerche, la sua scienza, tuttavia certi atteggiamenti rimangono invariati nel tempo nonostante il progresso.

Il ruolo delle suocere in particolare rimane cristallizzano nel tempo. Le più spietate ovviamente sono le madri dei figli maschi. Mentre i padri, per una sorta di complicità maschile, sono meno agguerriti e si mostrano indulgenti con la nuora. Le suocere non fanno sconti. Apparentemente possono anche apparire contente della nuora appena conosciuta. Fanno vivere la nuora in un clima di leggerezza. Si mostrano gentili, educate, fedeli, quasi briose . Si mostrano ammirate della scelta del figlio. Tutto sembra scorrere liscio, solo la giovane nuora ogni tanto constata qualche crepa nel rapporto, qualche elemento di disturbo che non desta allarme.

Con il tempo però la suocera soffre di attacchi di gelosia e si chiude sempre più verso quella donna che gli ha rubato il figlio e che vede come una estranea. Allora cominciano ogni giorno le piccole bizze, le persecuzioni, le immersioni nella rabbia e l’orgoglio. Sono crisi, dissapori all’apparenza momentanei.

La strategia delle suocere quando un figlio si fidanza troppo presto in giovane età, in adolescenza, è sempre lo stesso. Puntano sulla guerra di logoramento. Puntano su un lungo fidanzamento in modo tale che uno dei due fidanzati si stufa e molla la presa. Adducono come scusa la fine degli studi, la ricerca di una casa, di un lavoro. Ci vuole tempo anche perché loro non offrono collaborazione.

Spesso accade che le suocere escono vittoriose e esultano alla fine della lunga storia d’amore. Si mostrano contente e si vantano di aver ottenuto ciò che volevano da sempre.

Il loro desiderio distruttivo le ha portate prima a schernire la nuora rivale poi ad eliminarla con una strategia lenta e subdola. La rabbia delle suocere cessa nel momento in cui il figlio torna single. Allora trasferiscono il loro interesse solo sul figlio che va consolato.

Nella maggior parte dei casi si sono date la zappa sui piedi. Infatti il figlio spesso non si sposa più o passa da una avventura all’altra ricercando solo sesso. I figli alla fine sono allo sbando  e cominciano anche a frequentare cattive compagnie.

L’atteggiamento nazifascista delle suocere è deleterio per tutta la famiglia.

 

Ester Eroli