Tessa De Loo

Tessa è nata nel 1946 in Olanda prima di tre figli. Si è laureata con il pieno di voti alla università di Utrecht e poi si è dedicata per intero all’insegnamento, è stata docente di letteratura olandese prima di debuttare nel mondo della narrativa a tempo pieno. Le relazioni d’amore sono al centro dei suoi primi racconti e romanzi come ad esempio le ragazzine della fabbrica di zucchero, la valigia di fumo, Isabelle, ecc. nei romanzi successivi come il figlio della spagna, ecc. affronta da varie angolature il tema del passato che interferisce nella vita presente. Sposata all’età di venti anni andò poi a vivere sola con il figlio nato dal matrimonio.

Il suo romanzo più intrigante è quello che porta il titolo di sorelle gemelle, che ha incantato tre milioni di lettori e che è stato tradotto in molte lingue. Il Sunday times lo ha definito il migliore dell’anno. Con questo romanzo ha vinto molti premi europei.

La storia è quella di due anziane donne che in una stazione termale belga si incontrano per caso e si riconoscono come sorelle gemelle. Sono state separate con forza a sei anni perché orfane dei genitori. La fragile Lotte era stata accolta da parenti olandesi benestanti, la robusta Anna era finita in campagna da uno zio tedesco e costretta a guadagnarsi da vivere.

Il romanzo descrive l’avanzare del nazismo con chiari riferimenti storici, la guerra, le differenze sociali  e la miseria. Anna ha superato con coraggio la guerra, lotte invece è incerta e confusa. Appare evidente il carattere diverso delle sorelle ma entrambe sono plasmate dagli eventi tragici che hanno vissuto e che hanno lasciato un segno profondo nella loro vita intima e sociale. Anna vorrebbe una riconciliazione totale con la sorella che invece è più restia forse traumatizzata dagli eventi che non riesce a dimenticare.

 

Ester Eroli