Trucco pesante

Negli ultimi tempi notiamo che le profumerie sono assaltate da orde di ragazzine adolescenti, giovanissime in cerca di belletti, ciprie, mascare, fondotinta, smalti, rossetti vistosi. Le ragazzine fanno a gara nel truccarsi come signore mature. Vogliono sentirsi donne a tutti gli effetti e turbare, smarrire, lasciare senza fiato gli uomini. Senza nessuna regola si abbandonano al trucco pesante con forza di carattere sorde a eventuali consigli.

Le madri non impediscono nulla, prese dal lavoro e dagli impegni, i padri sono assenti o quasi, e distratti. Quando si accorgono del fenomeno è ormai troppo tardi. Parlare, criticare genera solo reazioni violente, ribelli e incontrollate. Non serve parlare con tono scortese, aspro, perentorio. Le ragazzine poi trovano sempre una giustificazione, hanno talento nel mentire. Non serve proibire, imporre.

L’istinto primordiale delle ragazzine è quello di farsi notare, per stupire, per dar vita a piacevoli corteggiamenti anche a solo tredici anni. Amano giocare all’amore.

Alla sera togliendosi il trucco appaiono al naturale e restituiscono al volto la sua bellezza. La pelle senza tanti trucchi tende a conservarsi giovane. Una donna con la pelle morbida è sempre giovane, appare innocente e infantile, cosa che piace agli uomini.

Solo le anziane si rendono conto di avere la pelle completamente rovinata densa di rughe a causa di trucchi troppo aggressivi. Alla fine certe scoperte si fanno troppo tardi. Il trucco va usato con moderazione senza eccessi, e senza apparire dei pagliacci dai colori vivaci.

 

Ester Eroli