Zara, il marchio europeo che spopola nel mondo

Zara, il marchio europeo che spopola nel mondoNel Regno unito, in Argentina, in Portogallo, in Cina, in Messico, in Grecia, in Colombia, negli Stati Uniti ecc., possiamo trovare il marchio Zara, noto colosso dell’abbigliamento, specie femminile. La società è il primo gruppo europeo di distribuzione tessile e conosciuta a livello mondiale, essendo anche un grossista. Il marchio ha punti vendita, negozi in ben ottantadue paesi nel mondo. L’offerta è molto ampia, innovativa, aggiornata e gli stili trattati numerosi specie per i giovani e gli adolescenti. Le collezioni Zara assecondano il gusto del cliente con prezzi competitivi e vantaggiosi e con una vasta rete di promozioni. Le vetrine di Zara sono le più affascinanti del mondo e la pubblicità di questo marchio è discreta, non massiccia. Il prodotto è di alta qualità e ottima fattura e privilegia l’eleganza classica e la sobrietà. Il marchio ha una sua identità e crea uno stile giovanile, fresco e classico allo stesso tempo. Il gruppo negli ultimi tempi è in espansione e si preannunciano nuove aperture. Il suo fatturato è cresciuto del 16% negli ultimi mesi. Si possono trovare oltre duemila negozi di questo tipo. Sicuramente è l’idolo delle ragazzine moderne e sprint ma a ben guardare diventa l’idolo di molti paperoni del pianeta. Gente molto ricca si lascia sedurre da questo marchio. In un mondo che cade a pezzi, in disfacimento, mentre intorno tutto crolla, mentre la cassa integrazione colpisce come una scure e gli operai sono alla fame c’è chi spende milioni per una semplice camicetta bianca di seta, magari per portarla un solo giorno. Infatti l’obbligo in certi ambienti è quello di cambiare sempre abito e toletta. Ci rendiamo conto che le politiche sociali poco hanno fatto. Si può comprare da Zara anche abiti meno costosi, specie in tempi di crisi.

 

Ester Eroli