Festa d’autunno a Fontechiari

Festa d'autunno a FontechiariNella Val Comino, in provincia di Frosinone, in un paesaggio ricco di colline verdi, sorge Fontechiari, un tempo chiamato Schiavi, un paese ricco di tradizioni. Nel centro troviamo infatti la torre medioevale risalente al XIII secolo, le chiese antiche come quella di San Giovanni Battista, i palazzi storici appartenenti alle famiglie nobiliari, la cinta muraria. Un tempo il borgo possedeva anche un castello. Ogni anno nel mese di Ottobre, quasi sempre la terza domenica, la pro loco organizza la festa d’autunno con un insolito regalo per i partecipanti. Viene infatti allestita una maxitorta lunghissima e ogni anno la sua lunghezza aumenta. Quest’anno è stata presentata una torta lunga ben 23 metri. Nel caso di pioggia la torta gigante viene allestita in un luogo chiuso. L’evento viene sponsorizzato e realizzato da una pasticceria siciliana della zona, che è anche bar gelateria, nota per il sapore delicato dei suoi prodotti e dei suoi dolci. Per favorire l’afflusso dei visitatori vengono messe a disposizioni anche bus navetta che raggiungono Piazza Marconi, la principale piazza e cuore della manifestazione. La maxitorta ha avuto già molte edizioni ed ora è arrivata alla sua undicesima edizione. Dopo l’esposizione, nel pomeriggio di domenica, la torta viene divisa e distribuita ai presenti per la sua degustazione. Quest’anno il millefoglie aveva il sapore dei frutti di bosco, ed era dedicata all’arma dei carabinieri. Ogni anno la torta viene fatta con ingredienti diversi. La festa d’autunno, con i suoi colori, è accompagnata da mostre dell’artigianato e dei prodotti tipici, da musiche della tradizione popolare, da bande musicali in abito ciociaro, da manifestazioni sportive come corse, salti, balli in piazza, da canti tradizionali. Oltre alla soffice torta si possono assaggiare caldarroste, bruschette, vini locali, biscotti, fritti al cartoccio, castagne lesse, crespelle. Per la festa di San Bartolomeo, che cade il 24 agosto, patrono di Fontechiari si possono assaggiare le famose crespelle con il cavolfiore, una vera prelibatezza.

Ester Eroli

Leggi anche: