L’occasione del Natale

L’occasione del NataleLe festività natalizie sono spesso una occasione per incontrare parenti con cui non si sta a contatto tutti i giorni. Ci sono parenti che abitano in altri quartieri della città, addirittura in un’altra città o all’estero. Il natale raduna tutti gli appartenenti a un nucleo familiare intorno a una tavola imbandita e ornata con addobbi natalizi. Per ricevere i parenti molti decorano la casa e la tavola come si deve, organizzano pranzi e cene luculliane all’insegna della grassa abbondanza. Si rinuncia a tutto ma non hai piatti e ai dolci tipici della tradizione. Sulla tavola non mancherà mai lo spumante e il panettone, le lenticchie e il cotechino. Sul tappeto non mancheranno nemmeno le carte da gioco e la tombola, che di solito coinvolge tutti i membri della famiglia dal più piccolo al più anziano. Eppure durante le feste spesso avvengono delle liti domestiche, che degenerano, che sono deleterie per la serenità dei giorni di festa, che angustiano, che divorano lo spirito del Natale. Sono magari liti fra coniugi perché ognuno tira l’acqua al proprio mulino e vorrebbe invitare solo i propri parenti e non i suoceri e cognati. Alcune volte sono litigi fra cognate, rivali e antagoniste per ogni cosa. Altre volte sono liti fra cugini per i giochi di società e la tombola. Spesso suocera e nuora danno vita a battibecchi per la gestione dei pasti e gli orari. Un ritardo sulla tabella di marcia può far scoppiare una lite. Un figlio che non rincasa per l’orario stabilito per l’incontro con i parenti e zii. Possono avvenire liti per decidere come e dove trascorrere la notte di san Silvestro. Nascono alterchi per il vino, per il pandoro, e per piccole cose insignificanti. Le liti più impegnative sono quelle fra coniugi che spesso portano incomprensioni e musi lunghi per più giorni, magari per tutta la durata del periodo festivo. Si può litigare anche per un cane, per stabilire dove collocarlo durante le vacanze fuori, si può litigare anche per decidere la meta delle sospirate vacanze. Infatti non tutti amano gli sport invernali e le vacanze sulla neve. Insomma il Natale in certi momenti diventa occasione di conflitti, genera dissapori. Il Natale invece dovrebbe essere visto come una pausa, un momento di riflessione e di crescita, di fraternità e condivisione., un momento magico atteso tutto l’anno. In fondo tutto passa ma lo spirito del Natale dovrebbe albergare dentro di noi ogni giorno. Gli altri siamo noi come diceva una canzone del passato.

 

Ester Eroli