Villa Lante di Bagnaia

Villa Lante di BagnaiaUn posto che merita di essere visitato è sicuramente Bagnaia, in provincia di Viterbo, dove si trova un famoso giardino all’italiana.  Il giardino si può ammirare all’interno della villa della famiglia Lante della Rovere, infatti la villa è nota come Villa Lante appunto. Il giardino manieristico risale al sedicesimo secolo e fu ideato nel suo insieme da Jacopo Barozzi da Vignola. La villa fu ultimata nel 1566, dopo questa data passò nelle mani del duca di Bomarzo, Ippolito Lante della Rovere. Il posto è incantevole e suggestivo. Bagnaia si trova lungo la strada romana che attraversa i Monti Cimini. Un posto pieno di verde e frescura, il paesaggio collinare attira lo sguardo. La villa richiama ogni anno molti turisti specie a Carnevale, dove all’interno vengono realizzate veri e propri cortei in maschera, sono tutte maschere d’epoca. I costumi in velluto cremisi ricamati in oro che brillano al sole sono stupendi, le damigelle che avanzano con passo felpato, i cavalli portati al galoppo bardati. I coriandoli che cadono a pioggia su questo corteo festante, capitanato da rappresentanti del papato e del casato Della Rovere,  sono in grado di  divertire qualsiasi turista annoiato.  La villa è formata da due casini quasi uguali, anche se costruiti da due diversi proprietari e in epoche diverse.  I due casini sono diversi soprattutto per gli affreschi: nel primo prevale una pittura paesaggistica nell’altro pitture più classiche, anche perché fatte da un artista più tardo.  I giardini della villa sono quelli che attirano di più per i loro frequenti giochi d’acqua. Ci troviamo davanti a tutta una serie di cascate, di fontane scroscianti, ecc.  La fontana più bella è quella detta dei Mori, dove quattro mori a grandezza reale sono disposti a formare un quadrato intorno a due leoni. Una serie di cascatelle si possono ammirare nella Catena D’Acqua, un gioco d’acqua che il Vignola aggiunse in un secondo momento. Troviamo anche una fontana circolare detta Fontana dei Lumini, che è stata collocata tra due scalinate di pietra. I casini gemelli sono circondati da maestose siepi di bosso. Troviamo varie piante all’interno come lecci, platani, querce e in lontananza si possono ammirare verdeggianti boschi. E’ un luogo di pace, dove la mente si rilassa cullata dal dolce rumore dell’acqua delle fontane. Molte fontane hanno ottime decorazioni. Sembra, passeggiando tra i viali della villa, che il tempo si sia fermato e pare riudire le voci delle antiche dame che allietarono le feste del passato.  Il posto è tranquillo, silenzioso lontano dal caos dei grandi centri. A Bagnaia la vita scorre più lenta, forse più monotona ma sicuramente più ambita da chi vive in città.

 

Ester Eroli

 

Leggi anche: