Finalmente anche a Udine Cabaret!

L’elegante e sonnacchioso capoluogo friulano benché dotato di una doppia Università, di un Conservatorio, e addirittura di un ‘Accademia d’Arte Drammatica, assoluti forti richiami quindi per la gioventù, non si avvale di alcun artista che si dedichi o proponga spettacoli di Cabaret. Nei vari e numerosi locali, laddove si suona e si canta, la clientela più che altro chiacchiera, mangia e soprattutto beve e se qualche disgraziato attore o fantasista si azzarda a proporre qualcosa di diverso … beh, non se lo fila nessuno (per non dire di peggio).

Ma nella serata dell’11 Novembre 2017, c’è stata la svolta. … Nel famoso ristorante/bar LA GIRADA, situato nel centro storico della suddetta città, il cui proprietario è il simpatico e lungimirante Andrea, è andato in scena: “Quant’eri belle Roma”.

Nato da un’idea di Andrea Maurizio, noto maestro di musica e chitarrista del luogo, lo spettacolo è stato scritto, diretto e condotto da Adriano Zara, fantasista romano noto nella Capitale come attore, regista e autore di numerose commedie di carattere comico e brillante. Salvatore Angileri, cantante dotato di voce da tenore, gola d’acciaio, d’ innata simpatia e della tipica verve della Trinacria, ha completato il terzetto di artisti che hanno dato vita e animo alla messa in scena di stampo cabarettistico.  Il pubblico che ha riempito il locale in ogni ordine di posto, per nulla distratto dalle varie cibarie e dai calici di vino, ha seguito con vivo interesse e divertimento l’intero svolgersi dello spettacolo. I vari lazzi, frizzi, canzoni, poesie e scenette improntate sui grandi cantori che, artisticamente parlando, fecero bella Roma (Belli, Petrolini, Trovajoli, Magni ecc.) hanno fatto breccia sugli spettatori udinesi i quali, per tutta lo scorrere della rappresentazione hanno tributato appalusi a scena aperta ai protagonisti, con ripetute richieste di bis finali.

Alla luce del successo ottenuto, “Quant’ eri bella Roma” verrà riproposto in altri locali del Friuli, della Venezia Giulia e varcherà anche i confini della Regione. Nel frattempo Adriano Zara, stimolato dall’inaspettato gradimento del pubblico, sta già approntando per il trio ASA (Andrea Salvo Adriano) una nuova pièce di stampo cabarettistico intitolato: “Su e giù per lo Stivale” in cui saranno presenti canzoni relative alle Regioni di appartenenza e scenette comiche recitate nei rispettivi dialetti …

Parafrasando una famosa canzone di Raffaella Carrà … “Sarà bello far cabaret da Trieste in giù!“

 

Adriano Zara