Succosi frutti di Pastena

Succosi frutti di PastenaCi sono paesi che prettamente hanno una vocazione agricola, dove anche il loro nome richiama la terra. Pastena, in provincia di Frosinone, deve il suo nome al verbo latino pastinare che significa rivoltare la terra per renderla morbida e facilmente coltivabile. In questo paese la natura trionfa in tutte le sue forme. Ci sono i monti come gli Ausoni, le colline dolci perfettamente coltivate con olivi, frutti, uva, ci sono i promontori , le rocce, le grotte carsiche che sono cavità antiche piene di reperti archeologiche di epoca persino preistorica, di laghetti, di un fiume sotterraneo, scoperte nel 1926 dal barone Carlo Franchetti. Non è un caso quindi che in questo paese troviamo il museo della civiltà contadine che rende omaggio all’ulivo, il museo infatti si trova all’interno di un vecchio frantoio. Non è un caso che in questo paese si svolgono due importanti sagre, quella del fungo porcino a ottobre e quella della ciliegia la prima domenica di Giugno. La festa della ciliegia nasce come omaggio alla madonna di Lourdes, infatti in passato era accompagnata da una processione mariana, ed ha raggiunto già moltissime edizioni. Tutte le degustazioni del prodotto sono gratuite. Durante la festa della ciliegia maestosi e imponenti carri allegorici vengono fatti sfilate per le strade della zona la domenica pomeriggio, momento culminante del convivio. Sui carri troviamo gente in costume tipico ciociaro che canta e balla stornelli e ballate della tradizione popolare. I carri sono addobbati con ciliegie e fiori. I carri sono in competizione fra di loro. Il migliore viene premiato con un trofeo, che è una scultura artigianale fatta da un noto maestro. Il trofeo ogni anno viene riconsegnato e quindi passa di mano come la corona di miss Italia. Durante la festa si possono seguire visite guidate su richiesta. La sera complessi musicali allietano i turisti e gli abitanti. I concerti vengono tenuti nella piazza principale.

 

Ester Eroli