Il pistacchio

Il pistacchio è sicuramente originario della Persia dove esistevano vari tipi di coltivazione. La parola è di origine propriamente araba. Poi si diffuse in India, Siria, Grecia, Turchia, Iran, Cina, California adatta per il suo clima caldo, Tunisia . In Cina esiste la varietà con il guscio bianco. In Italia la specie di pregio è quella verde di Matera e siciliana. Il madagascar e gli Stati uniti sono grandi produttori.

L’albero a foglie caduche, può arrivare a circa dieci metri di altezza e può essere attaccato dalle muffe . La sua crescita è lenta. Può essere molto longevo, vive fino a 300 anni. Il seme è di un verde vivo avvolto in una buccia viola, il frutto è ovale, allungato,  dentro un guscio duro, i fiori sono maschili e femminili, la fioritura avviene ad Aprile, il raccolto a settembre, i petali sono regolari, le foglie sono lunghe fino a dieci centimetri . il fusto è di legno duro e giallo. La chioma è alta e fitta.  il suo ciclo è biennale ma dipende dal clima, alterna anni di abbondanza con anni di magra. I semi oleosi  vanno asciugati, tostati, salati, contengono vitamine, lipidi, proteine, minerali, carboidrati, elevate calorie, vitamina e, fosforo, zinco, ferro, selenio .  I fiori sono unisessuali e ci sono quindi alberi maschi e femmine raggruppati in pannocchie. Il guscio color crema quando il frutto è maturo si apre.

Si tratta di una pianta desertica, resistente, che vuole una posizione soleggiata, un terreno drenante, non troppo umido, ama le estati calde e il terreno irrigato. Resiste anche al freddo. il suolo deve essere salino. la raccolta in passato avveniva a mano e gusci si macchiavano e venivano riverniciati, ora avviene con le macchine. Ogni albero produce 25 kg di semi. Si può trovare in collina, pianura e montagna fino a 800 metti.

Siccome contiene fibre di solito sazia molto, e combatte la stitichezza, elimina le tossine in eccesso, è utile per le infiammazioni e le emorroidi, per regolarizzare la flora batterica e il metabolismo. combatte diarrea, crampi, tiroide, ipertensione, problemi renali e di fegato . Può essere assunto da celiaci e vegetariani. il pistacchio è energetico perché contiene proteine e glucidi, grassi insaturi, acido oleico, rame, calcio, magnesio, vitamina K. Può dare reazioni allergiche.

Si usa per condimenti, torroni, formaggi, carne, pesce, primi piatti, gelati, creme, bevande.

 

Ester Eroli

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.