Libro

Ci sono molti modi per leggere un libro, in modo frettoloso seduti su un mezzo pubblico, davanti alla tv, nella confusione di una sala d’aspetto, di un treno, in un locale affollato, sulla sedia a dondolo della propria stanza. Negli ultimi tempi si registra un  calo in questo campo. L’amicizia con i libri sembra scaduta. C’è sempre meno familiarità con i libri, specie quelli specialistici. Si studiano solo i libri di testo e si trascura la lettura che non avviene nemmeno online. Non si frequentano nemmeno più i compagni di scuola per studiare insieme, ci si incontra solo per andare a divertirsi, per andare in pizzeria. Le letture se avvengono sono irregolari, sporadiche, senza logica, superficiali. I libri non vengono conservati nella libreria ma ciclicamente gettati nella spazzatura. I libri che sono una fonte inesauribile di cultura, alla portata di tutti, vengono gettati al pari di un abito dismesso. Non si chiedono più in prestito i libri agli amici. Si preferisce chiedere altri oggetti e lasciarsi trascinare dai ritmi ossessivi dei locali. Nessuno prende confidenza con la lettura impegnata magari di testi di filosofia, di greco, teatrali. I genitori non stimolano i figli, non invogliano fanno finta di nulla per evitare tensioni, i professori non si accorgono delle lacune se non quando è troppo tardi, non vedono la scarsa confidenza dei giovani con la carta stampata.

Le conversazioni dei giovani non vertono mai sui libri segno evidente che è maturato uno strappo lacerante. Molti autori stranieri risultano del tutto sconosciuto, di alcuni si ignora l’esistenza. Molti pensano che si possa fare a meno di certe letture che invece sono fondamentali per la formazione. Si ammirano solo i giovani spavaldi non quelli riflessivi che studiano.

Per facilitare la lettura si dovrebbe creare dei gruppi si studio con la possibilità di uno scambio dei testi. Inoltre si dovrebbe spingere i giovani a estrapolare dai testi, dai racconti le frasi più importanti e significative e conservarle in un  diario, agenza, anche online. Ci sono frasi ed espressioni molto incisive, chiarificatrici, illuminanti che dovrebbero far parte del bagaglio di conoscenze. Ogni testo anche storico racchiude delle frasi importanti pronunciate da personaggi illustri. Ci sono espressioni che spesso si addicono alla situazione che stiamo vivendo e ci suggerisce una soluzione. Ci sono frasi all’apparenza misteriose ma molto profonde. Per rapidità le frasi potrebbero essere trascritte su un file e conservate anche in una chiavetta. Ogni frase è diversa dall’altra e racchiude un universo

Ester Eroli