Minimoto

Molti  genitori per i figli vogliono solo divertimento allo stato puro, emozioni, rapidità, successo. Per questo forse negli ultimi tempi per i compleanni, per le ricorrenze, per Natale, per Pasqua, ai figli si regalano minimoto, invece che dolci, giocattoli, oggetti vari.

Le minimoto sono motociclette in miniatura, di cui esistono tanti modelli, disponibili in diversi colori e varianti, sia per percorsi sterrati che per le strade. Alcune sono state omologate sia in Italia che in Germania per andare su strada altre solo per correre in piste e aree private. Alcune sono molto sofisticate hanno il regolatore di velocità, lo spegnimento automatico di sicurezza in caso di caduta, hanno la scheda tecnica dettagliata con tutte le indicazioni necessarie. I prezzi sono competitivi. Si possono trovare nei rivenditori anche i pezzi di ricambio sono cuscinetti, ruote, candele, carburatori. Su internet ci sono molte offerte.

Le minimoto arrivato a 65 km orari, in alcuni casi arrivano a 100, e hanno un motore di 40 cm cubi. Le vendite online riguardano sia quelle elettriche che quelle a motore a scoppio e benzina con disponibilità quasi immediata di ricambi. Esistono vari centri di vendita sparsi sul territorio italiano.

Le minimoto sono perfette imitazioni delle moto grandi.

Tuttavia nella Chinatown di Milano e in altri luoghi, anche all’estero, molte minimoto vengono vendute truccate, contraffatte rielaborate tanto da divenire mini bolidi.

I genitori alcune volte per risparmiare comprano modelli cinesi che costano meno ma sono meno sicuri. Molte minimoto sono contraffatte, prive di marchio ue, e di garanzie di sicurezza. Alcune sarebbero fuorilegge ma circolano ugualmente. Esistono fabbriche illegali.

Molte minimoto contraffatte hanno fatto il loro debutto commerciale. Ci sono stati molti casi di incidente. Molti giri con le minimoto sono stati funesti.

Le minimoto possono essere all’occorrenza pericolose. I rischi per i giovanissimi possono essere fatali.

 

Ester Eroli