Circondarsi

Il mondo moderno, sempre più complicato,  ha preso ormai le distanze dalla famiglia, distrutta da divorzi, separazioni, lotte di potere. Non possiamo nascondere che la famiglia è stata eliminata, anche se era un porto sicuro, rassicurante. Molti sono i giovani che vanno a vivere da soli, in gruppo, nella precarietà, nella promiscuità. Sono giovani che conducono vite dissipate, fuori dalla realtà, che incolpano la famiglia di origine per i loro fallimenti. Vanno alla deriva con il sorriso sulle labbra. Non tornano a casa neppure per le feste. A una certa età sembra naturale prendere le distanze dal passato, dal nido domestico chiuso . Ci vuole coraggio ad abbandonare tutto ma la curiosità del mondo è giusto che prevalga.

Il problema è che i giovani si buttano a capofitto nelle storie più complesse, prestano fede solo al gruppo poi magari si lamentano delle esperienze negative. Con i gruppi si possono avere periodi buoni ma anche delusioni.

Bisogna imparare a circondarsi di persone vere, positive. Le persone negative che hanno un pessimo influsso vanno allontanate. Un giovane, come un datore di lavoro, si deve circondare solo di persone valide se no rischia il deragliamento.

 

Ester Eroli